#147.1

Sono troppo fragile per scegliere.

Condividi

arrivo alla tua porta ansimando una richiesta

la sottile tensione che unisce carne e sangue

nascosta dannazione temporanea

vitale ossessione di essere vicini

in questo istante nessuno mi conosce bene come te

in silenzio grido a questo mio fuoco

che non siamo devoti come chi rimane per sempre

trascinami dove vuoi stanotte e con la tua bocca

corri a cercare la mia

sono troppo fragile per scegliere

 

Condividi