#039.1

Estate con Neruda

Condividi

EstatE

Come bianchi fazzoletti d’addio viaggiano le nubi,
il vento le scuote con le sue mani viaggianti.
Cuore innumerevole del vento
che palpiti sul nostro silenzio innamorato.

Ronzando tra gli alberi, orchestrale e divino,
come una lingua piena di guerre e di canti.

Pablo Neruda – E’ il mattino pieno – (1924)

 

Condividi